Vanità, fragilità eterna, dal 12 settembre la nuova collettiva di FreeArtsItalia a San Marino

copertina1Vanità, fragilità eterna, è la nuova mostra proposta da FreeArtsItalia presso la Works in Progress Gallery di San Marino, in collaborazione con l’Ottica Michele Volpinari. Vanità, fragilità eterna (cit. Ungaretti) queste tre parole rispecchiano l’essenza della mostra, il titolo allude alla consapevolezza della fragilità, che non diventa, però, abbandono pessimistico al naufragio dell’esistenza, bensì stupefacente riscoperta dell’armonia con la natura e con l’universo. L’Arte è parte della nostra esistenza ci permette di mettere su tela: sogni, armonie, natura, conscio ed inconscio. Vanità in questo senso non è solo narcisismo ma la ricerca e la scoperta di un benessere intellettivo ed introspettivo.

Vernissage, Sabato 12 settembre 2015 alle ore 18,30

Sono 6 gli Artisti selezionati da FreeArtsItalia per la mostra Vanità, stili ed interpretazioni diverse per un contest molto suggestivo:
Furiano Cesari di Santarcangelo di Romagna, sammarinese di adozione, la sua tecnica preferita è l’olio su tela, bravissimo a cimentarsi anche con la china e l’acquerello. Il suo soggetto preferito è la figura femminile ma non disdegna la satira politica.
D.Vinicio (Andrea Vitali) pesarese, giovanissimo, è nato nel 1994 e sin da piccolo è partecipe di un’ambiente dove l’arte non viene a mancare nel quotidiano, il padre amante della musica e la madre della pittura. Nel 2013, durante gli studi presso la scuola del libro di Urbino, decide di dedicarsi con grande interesse alla pittura. La costante ricerca di un mezzo che possa esprimere un concetto di pura libertà.
Cinzia Fabbri nasce a Genova, attualmente vive e lavora a Rimini. La passione per la pitture le viene trasmessa dal padre Artista lui stesso, sin da piccola ha respirato aria intrisa del “profumo” dei colori ad olio e la frequentazione di mostre e musei. Predilige l’uso della spatola che impiega per creare motivi e segni grafici eterei e leggeri, conferendo dinamismo alle sue tele, nelle sue opere i colori si fondono, creando armonie, contrasti cromatici, segni delicati o potenti che intridono la tela dei segni dell’anima.
Margherita Lipinska nata in Polonia e laureata in pittura presso l’Accademia delle Belle Arti di Danzica, dal 1991 vive a Roma. Dipinge opere di grande formato su juta trattata, usando colori acrilici e contaminando il fondo con la presenza di diversi materiali. I suoi quadri raffigurano soggetti classici, sculture elleniche o cavalloromane, memori di antiche narrazioni ed odi, epopee dei nostri avi, creando un legame fra il mondo antico e quello contemporaneo. La perfezione della tecnica permette di fissare sulla juta soggetti scultorei che parlano del passato e che attraverso l’action painting entrano prepotentemente nell’attualità.
Angela Marchionni, marchigiana di nascita e bolognese d’adozione, è un’artista eclettica e poliedrica, ama spaziare a tutto tondo il mondo artistico. Regia, poesia, scrittura edizioni d’arte, grafica, fotografia digitale, questi sono solo alcuni degli spazi creativi di Angela. La sua curiosità la porta a sperimentare e cercare nuove sfide continuamente, i suoi lavori parlano di donne, di attualità, dell’animo umano. I suoi lavori sono esposti in Italia e all’Estero.
Roberto Re, artista parmense. Il suo carattere artistico è emerso fin dall’età infantile esprimendo la sua vena artistica su ogni supporto a portata di pennello, ha trovato nella pittura la valvola di sfogo per eliminare rancori ed amarezze. Roberto definisce i suoi dipinti come “intensi momenti di vita”, sono il frutto di un esplosione interna, di sentimenti, sensazioni che imprime sulle tele. I suoi dipinti passano dalla realtà all’astrazione con un segno energico e vitale con un uso violento del colore.
Ad allietare l’atmosfera del Vernissage l’esibizione dei CYWKA DUO acustico: la voce di Tiziana Stefanelli accompagnata dalla chitarra classica di Riccardo Paci, mentre il brindisi e le Art Wine Collections sono, come sempre, a cura di Imagowine (www.imagowine.it).

“Vanità, fragilità eterna” può definirsi come una nuova sfida che FreeArts ha intrapreso per promuovere la bellezza e la ricchezza di spunti di discussione dei quali l’arte contemporanea è perennemente permeata.
Una visita a Borgo Maggiore nella Repubblica di San Marino, in via Oddone Scarito, 40 presso l’Ottica Michele Volpinari è consigliata.

Con la collaborazione di ATLANTE ASSOCIATI – Studio grafico, comunicazione e Web design a Pesaro

Precedente Giorgio Bompadre, la mostra "Oltre l'astrazione" nella Galleria Art065 a Pesaro. Successivo Intervista a Noo Saro-Wiwa. Francesca Giommi ha incontrato per noi la scrittrice in occasione del Festivaletteratura di Mantova 2015