Sammarinesi alla Biennale di Venezia, il ritorno.

Alla Biennale di Venezia 2015 fra i protagonisti 6 Sammarinesi.

Locandina dell'Evento
Locandina dell’Evento

Dopo essere state esposte in laguna le opere degli Artisti Sammarinesi in mostra alla LVI BIENNALE D’ARTE di VENEZIA tornano a San Marino e saranno così visibili a tutti i cittadini ed a quanti sono curiosi di vedere cosa ha rappresentato lo Stato del Titano alla importantissima rassegna veneziana. l’Esposizione denominata Friendship Project, nata da un’antica amicizia con la Repubblica Cinese, ha visto le opere dei Sammarinesi sbarcare a Venezia nello storico Ateneo di Scienze Lettere e Arti e nei prestigiosissimi, Chiostro San Salvador e Palazzo Rota Ivahncic, oltre allo spazio Telecom Future Center. Ora è con orgoglio che noi di FREEARTS possiamo dire di essere riusciti a ricreare l’atmosfera della mostra veneziana nelle sale tipicamente medioevali della Works in Progress Gallery.

Vi presentiamo i 6 Artisti protagonisti di un evento veramente unico e con una rilevanza assolutamente mondiale:
Eleonora Mazza, continua a ricercare lo straordinario nell’ordinario; parchi, cose, facce famigliari e sconosciute, sfumano e passano ‘oltre’ la tela utilizzando la luce del mistero, Aldiqualdilà
Elisa Monaldi, opera – video in pausa… per il tè. In porcellana; di una quotidianità folgorante alla ricerca di uno spettatore per ogni momento, ora, prima e dopo.

Il Conte ugolino II
Il Conte ugolino II – Pazzini

Valentina Pazzini, sculture dal DNA del marmo di Carrara, fuoriescono figure d’onice già contenute nella pietra: forme femminili e corpi materni, potenza e staticità, prendono i colori dell’arcobaleno in chi non si nasconde.
Giancarlo Frisoni, terra e intonaci polverosi in un turbinio ‘concreto e astratto’ da un’ Idea per paesaggio passata su rame, pollini, petali e succo della vita… delimitati dalle Bande (laterali) della realtà.
Giovanni Giulianelli, si perde (creando) in altri Paesaggi, che sono ‘passaggi‘ sconfinanti in tracciati d’infinito come fa l’uomo oltre la terra verso una “pratica necessaria”: i dettagli.
Tony Margiotta e i suoi Faggot Men: musica dagli Occhi, suoni per rami di ferro e legno colorati, in corde di canapa. Le tinte della pelle aperte alla diversità dello straniero (che a volte lo è anche in patria). Tutti uniti, insieme, nella fascina che ci fa abbracciare…
Siamo certi che sarà un vero piacere per gli estimatori dell’Arte moderna fare una visita nelle sale della Works in Progress Gallery a Borgo Maggiore presso Ottica Michele Volpinari in Via Oddone Scarito,40 Repubblica di San Marino. Sabato 19 Dicembre dalle ore 17.00 l’inaugurazione della mostra, che rimarrà aperta fino al 6 Gennaio 2016 con ingresso gratuito.

Paesaggio 2- Giulianelli
Paesaggio 2- Giulianelli

con la collaborazione di Atlante Associati studio di Comunicazione di Pesaro www.atlantegrafica.com  e Megaphono tutti i tipi di stampa (www.megaphono.it)

 

Precedente Leonardo Nobili, Video d'arte. Musei Civici Pesaro Successivo CATIA MASSA, QUANDO L'ARTE ITALIANA SEDUCE NEL MONDO.