FreeArtsItalia, in collaborazione con Atlante Associati, informa. Gli appuntamenti con alcune mostre d’arte moderna in Italia.

Benvenuti su sul Blog di Freeartsitalia! oggi ritornano gli appuntamenti con alcune mostre d’arte contemporanea presenti sul territorio Italiano, da non perdere.

FIRENZE, Palagio di Parte Guelfa – Si inaugura oggi 20 Gennaio, fino al 26

RITORNO AL RINASCIMENTO, MOSTRA PERSONALE DELLA PITTURA DI XU YING

Ritorno al Rinascimento. Mostra personale di Xu Yinge
Ritorno al Rinascimento. Mostra personale di Xu Yinge

Una pittura che unisce l’antica tradizione cinese e la fascinazione per l’arte occidentale. Sarà inaugurata martedì 20 gennaio (ore 17.30) presso il Palagio di Parte Guelfa (Piazza di Parte Guelfa) la mostra “Ritorno al Rinascimento”, dell’artista cinese Xu Ying.
Per la prima volta in Italia la giovane artista di Tianjian presenta delle opere in cui tradizione cinese e arte occidentale dialogano in modo armonioso e naturale: viviamo un’epoca in cui gli scambi culturali si stanno facendo sempre più intensi e fruttuosi, e questo ha originato un qualcosa che contemporaneamente è nuovo e antico.
Scorci di Michelangelo, Leonardo, Botticelli, ma anche di Dürer e Holbein si intravedono sullo sfondo di grandi e coloratissime composizioni popolate da giovani donne vestite alla moda, un po’ preoccupate, ironiche e malinconiche, sempre in bilico tra passato e futuro. Al visitatore della mostra si presenta un viaggio colorato e armonioso, che offre numerose suggestioni: dai solenni e meditabondi buddha ai gigli di Van Gogh, dal folklore degli abiti tradizionali alle ultime tendenze in fatto di moda, dall’affresco rinascimentale al gusto un po’ fumettistico delle figure femminili di Xu Ying.

Palagio di Parte Guelfa, dal 20 al 26 Gennaio 2015


PARMA, Salone delle Scuderie, Palazzo della Pilotta 

FUOCO NERO: MATERIA E STRUTTURA ATTORNO E DOPO BURRI 

Il titolo Fuoco nero perché si mette a confronto la sequenza di Aurelio Amendola che fotografa Burri mentre crea una Plastica col fuoco con il grande Cellotex di Alberto Burri, appunto nero, punto di partenza della mostra.

Alberto Burri performance
Alberto Burri performance

Lo CSAC dell’Università di Parma ha ricevuto in dono, circa 40 anni fa, un importante Cellotex (1975) di Alberto Burri. Attorno a questa opera, in occasione anche dell’approssimarsi del centenario della nascita dell’artista (1915-1995), si è pensato di chiedere, negli ultimi due anni, a significativi pittori, scultori, fotografi, giovani e meno giovani, almeno un’opera che essi pensassero comunque collegata o riferibile alla ricerca di Alberto Burri. A questo invito hanno risposto generosamente, e con importanti opere, in molti. Fra essi Bruno Ceccobelli e Nunzio, Mimmo Paladino e Luca Pignatelli, Marcello Jori e Alberto Ghinzani, Pino Pinelli e Giuseppe Maraniello, Giuseppe  Spagnulo e Emilio Isgrò, Attilio Forgioli e Mario Raciti, Medhat Shafik e Franco Guerzoni, Luiso Sturla e Renato Boero, Raimondo Sirotti e Davide Benati, Concetto Pozzati e Enzo Esposito, Gianluigi Colin e William Xerra. Agli artisti è stato anche chiesto di illustrare le ragioni per cui l’opera donata si collegava alla ricerca di Burri; anche queste loro parole appaiono un contributo storico significativo.

Piazzale Bodoni, 1 Parma (PR) dal 21/12/2014 al 29/03/2015 (Ingresso gratuito)


VERONA, Galleria dello Scudo fino al 31 marzo, Galleria dello Scudo

GIUSEPPE SPAGNULO – TERRA COTTA. Opere 2012-2014

Giuseppe Spagnulo
Giuseppe Spagnulo

Fra gli appuntamenti più interessanti troviamo quello alla Galleria dello Scudo in cui viene presentata la prima personale dell’artista Giuseppe Spagnulo interamente dedicata alla terracotta per documentare questa sorprendente nuova fase della scultura di Spagnulo, con la ripresa esplicita di forme spesso in scala ambientale che dà conto sia dell’intima necessità di affermare la concretezza e la fisicità del linguaggio plastico, sia di un bisogno di antica manualità. Le opere esposte sono la prova della volontà di impegnare il vigore e la forza per apprezzare nuovamente la percezione del peso e vincere così l’inerzia della materia: l’artista non modella ma costruisce. Impastare, plasmare, scavare, rompere, aggiungere, gettare: in questi lavori si individuano tutti gli infiniti dei verbi connotanti azioni che sembrano appartenere a un tempo dell’arte irrimediabilmente perduto e che invece torna ad essere di estrema attualità.

Fino al 31 marzo 2015, Galleria dello Scudo, Vicolo Scudo di Francia 2, Verona

Giuseppe Spagnulo
Giuseppe Spagnulo

 

 

 

 

 

 

 

 


BOLOGNA, Galleria  de’ Foscherari – Via Castiglione  2B

CALZOLARI, MORANDI, PARMIGGIANI – 29 Novembre – 28 Febbraio

Giorgio Morandi
Giorgio Morandi

Nel momento in cui l’Arte sembra raccogliersi su se stessa per riflettere sul proprio incerto futuro, gli artisti, rivolgono lo sguardo al passato in forma sostanzialmente diversa da come è sempre avvenuto. Non ci si ispira più o, comunque, non prevalentemente, ai classici, ma ai grandi dell’arte contemporanea, ai maestri del Novecento. Non solo, ma i maestri del Novecento non sono osservati perché ormai divenuti dei “classici”, cioè perché sono sempre attuali, ma, al contrario, perché sono inattuali. Non vogliamo scomodare Nietzsche, però insistiamo sul concetto di inattualità intesa come presa di distanza rispetto al proprio tempo, un tempo con il quale i maestri di cui parliamo non si sono mai riconciliati, un tempo che con la loro opera hanno sottoposto a critica, una critica che è sostanzialmente critica del moderno, di quella che Heidegger chiama l’Età della tecnica. Seguendo queste riflessioni la Galleria de’Foscherari ha progettato una mostra, nella quale ad un maestro inattuale della statura di Giorgio Morandi vengono accompagnati due artisti che potrebbero essere stati suoi allievi e che riteniamo altrettanto inattuali: Pier Paolo Calzolari, un bolognese ricco d’avventura e Claudio Parmiggiani, un emiliano di Luzzara rivolto all’esplorazione della memoria collettiva.

"Scultura d'ombra", Claudio Parmiggiani.
“Scultura d’ombra”, Claudio Parmiggiani.
Pierpaolo Calzolari, Natura morta, 2006
Pierpaolo Calzolari, Natura morta, 2006
Mostre , , , , , ,

Informazioni su freeartsitaliablog

Silvia Fiore - Direttore di Freearts "Ogni volta cerchiamo di superarci, questo è un passo importante, speriamo di essere in grado si supportare gli artisti ed aiutarli a sviluppare il loro talento creativo!" Questo è la nostra nuova follia.... "Each time We try to overtake us, this is an important step, we hope to be able to support artists and help them develop their creative talent!" This is our new madness ...

Precedente Pesaro, da martedi 27 gennaio fino al 1 febbraio 2015 mostra fotografica di Marco Lani dal titolo “In particolare…Auschwitz” presso la Piccola Galleria Comunale Successivo Galleria d'Antiquariato Altomani & Sons, da Pesaro e Milano il top dell'antiquariato. Anticipazioni sul TEFAF di Maastricht.